homepage
rss
mappa del sito
chi siamo
eventi
links
selezione lingua
Intercultural
Lexicon

Modernity

The concept of modernity can be analysed from various points of view. A sociological perspective sees modernity as the historical era arising from feudal society’s profound transformation processes and that, starting with the Protestant Reformation, sees the emergence of the new bourgeoisie..

Continua a leggere

Terrorism

This is an ambiguous word.

Continua a leggere

The Mediterranean

Mediterranean: literally the sea in the middle of lands, a bordering sea, and linking these lands. This characteristic makes the Mediterranean a sea that does belong to all the countries overlooking it, but to none in particular, a shared sea, not available for becoming private property..

Continua a leggere

Democracy

In the Greek polis the meaning of the term “democracy” implied the government of a vast majority of the people, the “plebs”, as opposed to the aristocracy.

Continua a leggere

Civil Society

From the mid-1980s to the present, civil society has been a key category of democratic politics, increasingly in a genuinely international setting.

Continua a leggere
Reset
Un mese di idee.
Direttore Giancarlo Bosetti
Associazione per il dialogo tra le culture
Costume e Società
EN mercoledì, 25 giugno 2008

Quel laboratorio per il Medio Oriente

Amara Lakhous

Negli ultimi anni, l’interesse degli arabi nei confronti della vicina Turchia è cresciuto molto. I grandi giornali panarabi come Al Hayat e Al Quds Al Arabi dedicano ampi spazi alle vicende turche. I due canali satellitari Al Jazeera e Al Arabiya hanno corrispondenti fissi ad Ankara per seguire da vicino tutte le novità. Non è quindi eccessivo parlare di un “laboratorio turco”, da cui gli arabi si aspettano risposte efficaci per sciogliere i grandi nodi che riguardano tutti i loro paesi: la via nazionale alla democrazia, l’allontanamento dei militari dalla politica, il rifiuto della violenza come mezzo per stabilire i rapporti di forza, la definizione del ruolo della religione nella vita pubblica.


L’esperienza turca fornisce alcune risposte alle seguenti domande:

1) Il processo della democratizzazione presuppone l’“addomesticamento” dei militari? Sì. È significativo il fatto che la maggio parte dei capi arabi siano militari o ex militari. Questa è senza dubbio una delle ragioni del nostro deficit democratico. Non c’è democrazia vera senza un parlamento eletto liberamente dai cittadini. Le costituzioni delle grande democrazie escludono categoricamente qualsiasi ruolo politico di militari. In questo senso, la Turchia ha compiuto passi notevoli, soprattutto dopo l’elezione di Abdullah Gul alla suprema carica dello Stato dopo un duro braccio di forza con i generali.

2) La violenza è funzionale per combattere i regimi totalitari? No. Ricordo uno slogan scritto a grandi caratteri ad Algeri nel 1992: “Avete rifiutato le urne, hanno parlato i fucili!”. I movimenti islamici arabi devono imparare molto dai loro colleghi turchi. Nella metà degli anni novanta del secolo scorso, il partito islamico Rafah, guidato dall’ex premier Arabakan, è stato messo al bando, ma i suoi militanti non sono ricorsi alle armi come in Algeria. È chiaro che la militarizzazione del conflitto politico giova soprattutto ai militari e ai fondamentalisti, e a pagare il prezzo più alto è sempre la società civile.

3) L’unione europea è un club cristiano? Forse sì. L’esclusione (finora) della Turchia, un paese musulmano moderno, dal processo di allargamento dell’Ue, pone una questione molto seria: non esiste la volontà di accettare un paese diverso religiosamente. Il presidente francese Nicolas Sarkozy ha dichiarato che la Turchia è un paese asiatico! Non si capisce come mai i parametri che servono ad includere paesi come la Romania e la Bulgaria non valgono poi per la Turchia, che è anche un membro importante della Nato. La promessa di aderire all’Ue ha velocizzato il processo di democratizzazione, il rispetto dei diritti umani, e soprattutto è servito a tenere a bada i militari, noti per la loro preferenza per i golpe.

4) Il velo è un simbolo religioso o una bandiera ideologica? Forse tutti e due. “La battaglia del velo” in Turchia pone un serio problema alla laicità dello Stato. Certamente ogni religione richiede visibilità nello spazio pubblico, ed ogni democrazia matura deve garantire ai propri cittadini il diritto di culto. Tuttavia la politicizzazione della religione è sempre controproducente. In questo senso, penso che usare il velo – il caso turco docet – come strumento di battaglia per indebolire i cosiddetti garanti della laicità, cioè i militari, sia dannoso. Allo stesso tempo, però, bisogna diffidare del laicismo che tende a diventare a sua volta una religione dogmatica.

La partita turca è ancora aperta perché non si conoscono i vincitori e i vinti. I grandi cambiamenti della Storia sono frutti dell’effervescenza culturale e politica. In attesa del finale, gli arabi continuano a guardare.

Amara Lakhous è uno scrittore e antropologo di origine algerina, residente in Italia dal 1995.

Commenta questo articolo

Newsletter

Iscriviti per ricevere la nostra newsletter