homepage
rss
mappa del sito
chi siamo
eventi
links
selezione lingua
Intercultural
Lexicon

Prejudice

All types of thought –also those of scholars and scientists – proceed according to established models, stereotypes and prejudices.

Continua a leggere

Anti-semitism

The use of the expression anti-Semitism to indicate hostility towards the Jews – only the Jews and not as generally thought towards all “Semitic” people – dates back to the second half of the 19th Century, when the word, a neologism derived from linguistics, was spread throughout...

Continua a leggere

Ethno-psychiatry-Ethno-psychology

Ethno-psychiatry and ethno-psychology experiment the paths to be followed so as to address the cultural differences within the disciplinary wisdom and practices (western) of psychiatry and psychology.

Continua a leggere

Multiculturalism

The word began to be used at the end of the Eighties in the United States to indicate an ideal society in which various cultures could co-exist with reciprocal respect, but avoiding all domination and assimilation into the dominant culture..

Continua a leggere

Nationalism

The 20th Century was par excellence the century of nationalisms. It is sufficient to remember that the causes of the two world wars were directly linked to the consequences of nationalist doctrine exalting all that belongs to one’s own nation..

Continua a leggere
Reset
Un mese di idee.
Direttore Giancarlo Bosetti
Associazione per il dialogo tra le culture
Libri
giovedì, 13 maggio 2010

I nomi e i cognomi del Pasolini pakistano

Sara Colantonio

«Le grandi tragedie – ed in questo caso la partizione dell'India che ha causato un grandissimo esodo – non hanno nessun significato se poi le persone che subiscono questi soprusi non vengono chiamate per nome e cognome e rimangono soltanto dei numeri; nei racconti di questo scrittore ci sono persone con nome e cognome, che si conoscono, perché provengono dallo stesso villaggio». L'editore Franco Esposito Soekardi (Fuorilinea) descrive così lo scrittore pakistano Saadat Hassan Manto, durante la presentazione alla Biblioteca Rispoli di Roma della prima traduzione italiana di un suo libro.


È stata presentata alla Biblioteca Rispoli di Roma il 28 aprile 2010 la prima traduzione italiana di un libro dello scrittore pakistano Saadat Hassan Manto, “Il prezzo della libertà e altri racconti” pubblicato dalla casa editrice Fuorilinea. Ad introdurre la presentazione è stato il portavoce dell'Ambasciata Pakistana in Italia: “Sono contento che sia stata creata una vetrina per la letteratura pakistana in questa biblioteca, tra l'altro con una raccolta molto ampia dei nostri autori, come Hanif Kureishi, Tariq Ali, Nadeem Aslam».

Stefano Mirabelli, docente di Strategia della Comunicazione Pubblica, ha notato in Manto l'argomento del limite, del confine, che può essere geografico, ma anche etico. Nei suoi racconti Manto immette la metafora del dubbio, dove ci sono guerre per sbaglio e dove tutti, anche un cane, sono chiamati a schierarsi contro vecchi amici d'infanzia e non si capisce perché si muoia. “Credo anch'io che sia uno scrittore di confine – si è inserito Massimo Lo Monaco, giornalista ANSA – e ha la capacità di descrivere il fanatismo nella sua banalità quotidiana. E mi chiedo: è un romanziere o un politico? Nella prima lettura il suo libro l'ho percepito come un saggio; solo rileggendolo ho colto il romanzo. Manto del resto è vissuto in un'epoca in cui il Pakistan doveva ancora nascere. Si definiva progressista, ma poi confessava che non sapeva cosa significasse questa parola. Egli era il Pasolini pakistano, sempre in conflitto con tutti, in ogni parte del paese, a causa della sua scrittura nuova dalle parole dirette alle quali non si era abituati. Manto è un romanziere politico, o uno scrittore che fa della politica un romanzo. Diceva 'se trovate i miei racconti osceni è perché la realtà che vivete è oscena'. Una frase evidentemente molto pasoliniana”.

È stato l'editore a continuare il discorso: “Manto è, a mio avviso, molto più di Pasolini, perché questo viveva in Italia, in Occidente, Manto nasce in Indostan e parlava ad un pubblico che non aveva mai letto quelle parole”. Massimo Lo Monaco ha chiesto all'editore di Fuorilinea quali mondi, secondo lui, lo scrittore pakistano abbia messo in comunicazione tra il Pakistan e l'Italia e perché l'abbia scelto. “Quando ho letto Saadat Hassan Manto per la prima volta – ha risposto Franco Esposito Soekardi – ho notato la bellezza della sua scrittura. Alle letture successive mi sono accorto che apriva anche molte porte. Manto ha avuto una grande intuizione: le grandi tragedie – ed in questo caso la partizione dell'India che ha causato un grandissimo esodo – non hanno nessun significato se poi le persone che subiscono questi soprusi non vengono chiamate per nome e cognome e rimangono soltanto dei numeri; nei racconti di questo scrittore ci sono persone con nome e cognome, che si conoscono, perché provengono dallo stesso villaggio e si ritrovano improvvisamente contro in una guerra assurda”.

Commenta questo articolo

Newsletter

Iscriviti per ricevere la nostra newsletter