homepage
rss
mappa del sito
chi siamo
eventi
links
selezione lingua
Lessico
Interculturale

Storia

Sarà capitato anche a voi di guardare qualcuno dei numerosi documentari televisivi nei quali si divulgano le più recenti conoscenze sui “nostri antenati”, paleantropi, nehandertaliani o sapiens che siano.

Continua a leggere

Laicita'

Il termine laicità indica la separazione, storicamente avvenuta in Occidente soprattutto con la nascita e l’affermarsi dello Stato moderno, fra la sfera religiosa e la sfera politica (“libera Chiesa in libero Stato”, secondo l’efficace espressione di Camillo Benso conte...

Continua a leggere

Terrorismo

Termine scivoloso.

Continua a leggere

Antisemitismo

L’uso del termine antisemitismo per indicare l’ostilità verso gli ebrei – solo verso gli ebrei e non, contrariamente a quanto si crede, verso tutti i popoli “semiti” – risale alla seconda metà dell’Ottocento, quando la parola, un neologismo...

Continua a leggere

Sionismo

Fu il viennese Nathan Birnbaum, nel 1890 a coniare il termine sionismo, che indica l’ideologia volta a trasformare l’aspirazione religiosa degli ebrei in un movimento politico per creare uno stato ebraico nella “terra promessa”, un riferimento metaforico e non necessariamente...

Continua a leggere
Reset
Un mese di idee.
Direttore Giancarlo Bosetti
Associazione per il dialogo tra le culture
Lessico Interculturale
EN AR martedì, 7 novembre 2006

Modernita'

Massimo Rosati

Il concetto di modernità può essere analizzato da vari punti di vista. Dal punto di vista sociologico, con modernità si intende quell’epoca storica che risulta dai profondi processi di trasformazione della società feudale e che vede, a partire dalla Riforma protestante, l’emergere della nuova classe borghese.


Centrali, per l’affermazione della modernità e delle sue caratteristiche principali, sono: le due grandi rivoluzioni del Settecento, quella industriale e la Rivoluzione francese; la formazione dei moderni Stati nazionali e la razionalizzazione del potere nel segno di anonime procedure burocratiche; lo sviluppo di una economia di mercato centrata sulla divisione del lavoro; la valorizzazione sociale dell’autonomia individuale; l’universalizzazione dei valori; l’urbanizzazione e la diffusione di stili di vita metropolitani; la scolarizzazione e l’ingresso progressivi delle masse nella vita politica e sociale delle società europee; lo sviluppo della scienza come forma di conoscenza auto-legittimantesi rispetto alla religione; il ritrarsi del sacro e della religione negli ambiti privati dell’esistenza individuale, con il parallelo declino del ruolo pubblico della religione.

Dal punto di vista filosofico, modernità coincide almeno in parte con illuminismo, ossia, secondo la nota espressione di Immanuel Kant, con l’ “uscita dell’uomo da uno stato di minorità”. Contrapponendosi alla tradizione, alla religione e ogni forma di autorità imposta, la modernità rivendica per sé una completa autonomia rispetto al passato e una costante apertura al futuro. L’idea della rottura rispetto al passato, della crisi e del mutamento continuo sono parti costitutive della sua auto-rappresentazione. Nonostante ciò, si è discusso lungamente, e si continua a discutere, sulla effettiva autonomia della modernità rispetto al passato e a categorie di pensiero metafisico e religioso.

Laddove, secondo autori come Blumenberg, il senso ultimo della modernità riposa nella sua piena autonomia rispetto al passato, per altri essa continuerebbe a essere parassitaria nei confronti di alcune grandi categorie religiose e metafisiche. Alcune delle più grandi e caratteristiche visioni moderne della storia, come quella hegelo-marxista per esempio, non sarebbero altro che la secolarizzazione, cioè traduzione in termini mondani, di concezioni religiose del tempo. In questo senso, la portata innovativa della modernità sarebbe solo parziale e di facciata. Più di recente, la discussione sulla modernità si è concentrata sul suo futuro più che sulla sua genesi. La fine delle grandi ideologie e del mondo uscito dalla Seconda guerra mondiale avrebbe infatti inaugurato, per alcuni, una condizione compiutamente “post-moderna”, da molti salutata con favore in quanto segno del congedo da alcune delle strutture falsamente universalistiche della modernità.

Newsletter

Iscriviti per ricevere la nostra newsletter


Questo sito utilizza i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione, in particolare vengono utilizzati cookies tecnici per consentire la normale navigazione e fruizione del sito stesso e dei suoi servizi; cookies di terze parti per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti del nostro sito e su come questi visitano lo stesso e cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookies clicca qui.
Se nascondi questo banner o accedi a un qualunque elemento della pagina acconsenti all'uso dei cookies.