homepage
rss
mappa del sito
chi siamo
eventi
links
selezione lingua
Lessico
Interculturale

Sionismo

Fu il viennese Nathan Birnbaum, nel 1890 a coniare il termine sionismo, che indica l’ideologia volta a trasformare l’aspirazione religiosa degli ebrei in un movimento politico per creare uno stato ebraico nella “terra promessa”, un riferimento metaforico e non necessariamente...

Continua a leggere

Terrorismo

Termine scivoloso.

Continua a leggere

Antisemitismo

L’uso del termine antisemitismo per indicare l’ostilità verso gli ebrei – solo verso gli ebrei e non, contrariamente a quanto si crede, verso tutti i popoli “semiti” – risale alla seconda metà dell’Ottocento, quando la parola, un neologismo...

Continua a leggere

Empatia

Il nostro atteggiamento nell’incontro con l’“altro” non dipende soltanto dal nostro modo di pensare.

Continua a leggere

Islamismo

L’islamismo è un’ideologia fortemente militante, capace di muovere popoli, sviluppatasi selettivamente da scritture, testi, leggende, precedenti storici, esperienze organizzative e scontento del nostro tempo, come reazione difensiva a un’erosione di lunga data della supremazia...

Continua a leggere
Reset
Un mese di idee.
Direttore Giancarlo Bosetti
Associazione per il dialogo tra le culture
Lessico Interculturale
EN lunedì, 20 novembre 2006

Altro

Barbara Sorgoni

Il processo che porta a definire la propria identità – cioè un “noi” – in modo oppositivo attraverso un paragone esplicito o implicito con “l’altro”, è ritenuto un moto universale proprio di ogni società. “Qualunque cosa ‘noi’ siamo, questo è l’uomo; e per converso qualunque cosa ‘noi’ non siamo, questo è ciò che sono gli altri”. La costruzione di una identità – di un “noi” come di un “altro” – è cioè operazione irrinunciabile per l’essere umano.


Poiché la definizione dell’altro ha a che fare con la stessa idea di umanità, sono innumerevoli gli esempi etnografici che dimostrano come, per ogni gruppo umano conosciuto, l’altro sia identificabile con chi non appartiene alla nostra stessa comunità. Per restare nel mondo occidentale, a partire da Erodoto l’altro è stato identificato via via con “il barbaro”, il “mostruoso”, il “selvaggio allo stato di natura” (ed anche “il buon selvaggio”), il “primitivo”, l’“esotico”, fino ad abbracciare esplicitamente tutto il mondo al di fuori dell’Occidente (il Terzo Mondo, i Paesi in Via di Sviluppo, the Rest in opposizione a the West).

La categoria “altro” ha inoltre una importanza centrale per le scienze sociali e, in particolare, per la disciplina antropologica di cui rappresenta, storicamente, l’oggetto. L’antropologia nasce infatti come progetto di conoscenza dell’alterità. In una accezione più ristretta, quindi, l’altro, che viene assunto come oggetto di indagine dalla tradizione europea a partire dalla seconda metà dell’Ottocento, coincide con il mondo “tradizionale” (opposto a quello “moderno”) e con le società “semplici” (rispetto a quelle “complesse”).

Occorre anche ricordare che per oltre un secolo - da metà Ottocento agli anni cinquanta del Novecento circa - l’altro è stato definito anche in termini razziali, e i gruppi umani esterni all’Occidente venivano ritenuti razzialmente inferiori ad esso. Se tradizionalmente lo studio dell’altro ha coinciso in modo particolare con l’analisi di società di piccole dimensioni, pre-industriali e spesso a tradizione orale, diverse “comunità” si sono nel tempo avvicendate a ricoprire il posto di “altro assoluto” nel senso comune e nella cultura occidentale: i neri, gli ebrei e, in tempi più recenti, il mondo islamico.

All’interno delle scienze sociali, l’altro viene visto oggi più spesso come intrinseco al noi, sottolineando come una profonda comprensione della propria o altrui identità e storia debba passare per un moto di inclusione e di comprensione del “noi” tra gli “altri”, e superando quindi il dualismo e la contrapposizione categoriale Noi/Altri che ha a lungo prevalso. Ritenendo che la descrizione dell’altro sia in realtà un processo di produzione e costruzione di alterità, l’accento è oggi posto soprattutto sui processi di reificazione ed essenzializzazione delle identità e sui modi attraverso i quali questi possano fornire una giustificazione a pratiche politiche di marginalizzazione ed esclusione dell’altro.

Newsletter

Iscriviti per ricevere la nostra newsletter


Questo sito utilizza i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione, in particolare vengono utilizzati cookies tecnici per consentire la normale navigazione e fruizione del sito stesso e dei suoi servizi; cookies di terze parti per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti del nostro sito e su come questi visitano lo stesso e cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookies clicca qui.
Se nascondi questo banner o accedi a un qualunque elemento della pagina acconsenti all'uso dei cookies.