homepage
rss
mappa del sito
chi siamo
eventi
links
selezione lingua
Lessico
Interculturale

Storia

Sarà capitato anche a voi di guardare qualcuno dei numerosi documentari televisivi nei quali si divulgano le più recenti conoscenze sui “nostri antenati”, paleantropi, nehandertaliani o sapiens che siano.

Continua a leggere

Pregiudizio

Qualunque tipo di pensiero –anche degli studiosi e degli scienziati – procede per modelli prestabiliti, stereotipi, pregiudizi.

Continua a leggere

Esotismo

Ideologicamente fondate sulla fascinazione per quanto abbia origine o sia importato da paesi lontani, le nozioni esotico/esotismo individuano una prospettiva esplosa in Europa a partire dal Settecento ma prefigurata da significativi antecedenti..

Continua a leggere

Che cosa vuol dire 'blasfemia' nell'ebraismo?

Il tema della blasfemia in ambito ebraico è affrontabile sotto tre angolature:a) fondamenti biblici e valenza intraebraica del precetto che proibisce la blasfemia;b) indagine relativa al fatto se la proibizione vale per i non ebrei;c) esistenza di un eventuale atteggiamento blasfemo ebraico...

Continua a leggere

Laicita'

Il termine laicità indica la separazione, storicamente avvenuta in Occidente soprattutto con la nascita e l’affermarsi dello Stato moderno, fra la sfera religiosa e la sfera politica (“libera Chiesa in libero Stato”, secondo l’efficace espressione di Camillo Benso conte...

Continua a leggere
Reset
Un mese di idee.
Direttore Giancarlo Bosetti
Associazione per il dialogo tra le culture
Lessico Interculturale
EN martedì, 7 novembre 2006

Partecipazione

Paolo Ceri

Si può partecipare tanto a un’impresa efferata – uno stupro del branco, un linciaggio, un’operazione di pulizia etnica – quanto a un’iniziativa umanitaria – una raccolta di fondi, un’adozione collettiva, il sacrificio di sé nello scambio di prigionieri. Quale che sia il giudizio morale, queste e innumerevoli altre sono tutte forme di partecipazione, dal momento che il singolo individuo agisce di concerto con altri.


Il significato che il concetto di partecipazione assume nelle scienze sociali è però diverso da quello di senso comune, sia che questo ne estenda il significato a coprire le azioni riprovevoli al pari di quelle lodevoli, sia che lo riferisca a queste soltanto. Affrancato da ogni valutazione morale pregiudiziale, il concetto di partecipazione è riferito al coinvolgimento nelle diverse sfere della vita sociale. Si parla così, di volta in volta, di partecipazione religiosa, culturale, sindacale, politica e altro ancora.

Ogni volta a essere in gioco sono tanto le possibilità di partecipare, quanto le forme della partecipazione: possibilità più o meno limitate o estese e forme più o meno diversificate. Può aversi, così, sia una partecipazione esclusiva oppure inclusiva, come può aversi una partecipazione informale oppure formalmente codificata. Sia che si confrontino società diverse, sia che si considerino sistemi interni alla stessa società, quali associazioni, istituzioni e organizzazioni, le differenze rilevanti riguardano pertanto: a) la varietà delle sfere cui si partecipa, b) le opportunità e i vincoli a partecipare, c) le forme della partecipazione.

Si può, ad esempio, prender parte congiuntamente alla vita familiare, a quella economica e a quella politica, oppure – com’è stato spesso per le donne - aver parte soltanto in quella familiare. Partecipare alla vita economica attiva, ad esempio, può essere un privilegio riservato a certe caste, classi o etnie, oppure un diritto riconosciuto a tutti i cittadini. Quanto ai modi, si può partecipare, ad esempio, alla politica in forme dirette oppure in forme delegate. È evidente che possibilità, intensità e forme della partecipazione sono storicamente determinate. Ciò deve indurre a controllare la facile tendenza a giudicare inferiori altri contesti socio-politici soltanto perché diversi dai propri. È errato, oltre che illusorio, aspettarsi, ad esempio, pratiche di democrazia liberale in una comunità agro-pastorale agfana, come lo è aspettarsi diffuse pratiche comunitarie nella City.

Nondimeno, è bene che il necessario relativismo non sia assoluto, bensì temperato. In considerazione di un dato universale e di un fatto storico. Il dato universale è l’essere la partecipazione determinata sempre sia dalla cultura che dal potere: ciò impedisce di vedere in essa l’espressione spontanea di una collettività o, all’opposto, la manifestazione manipolata del dominio. Il fatto storico è la globalizzazione che, mettendo in comunicazione le società più diverse, genera promettenti opportunità e difficili problemi di convivenza multiculturale. Al centro del problema della partecipazione vi è pertanto un duplice rapporto: quello tra individuo e collettivo e quello tra individuo e ruolo. Essa risulta, infatti, impedita o al contrario favorita a seconda che l’identità personale sia monopolizzata o no da un’identità collettiva o da una posizione-ruolo. La partecipazione è quindi sia un campo conflittuale che una posta in gioco. Storicamente è una conquista: l’esito di una lotta mai conclusa tra l’autonomia individuale e il potere, sia esso economico, politico o culturale. Allo stesso tempo, si configura come il contributo che l’individuo dà allo sviluppo della vita associata.

A tal fine la pratica della partecipazione richiede due condizioni: a) la riduzione delle disuguaglianze rilevanti (è necessaria la creazione di un’area di uguaglianza: si partecipa solo tra uguali) e delle limitazioni imposte dal controllo sociale, così da dare spazio alla libera espressione delle individualità; b) il contenimento della penetrazione dell’ethos e della pratica dell’individualismo competitivo entro le arene partecipative. Alla prima condizione è legata la possibilità per il soggetto di accedere e partecipare liberamente – in uno specifico contesto di vincoli sociali e di influenze culturali - a una molteplicità e varietà di sfere e modi di vita, selezionandoli e combinandoli secondo un progetto personale. Alla seconda condizione è legata la possibilità che nell’ambito dell’esperienza partecipativa tacciano gli interessi privati, così da favorire l’impegno per l’interesse pubblico.

Si capisce come oggi la prima condizione sia critica e decisiva nelle aree, geoeconomiche o sociali, meno modernizzate e secolarizzate del mondo, e come la seconda lo sia per quelle che lo sono di più. Il processo che può consentire di affrontare e vincere – pur mai in modo definitivo – le due sfide si chiama democratizzazione. L’esito, ne statico né compiuto, di tale processo si chiama democrazia. Sotto questo profilo oggi, come e più di ieri, v’è intima connessione tra pluralismo, democrazia e partecipazione.

Newsletter

Iscriviti per ricevere la nostra newsletter


Questo sito utilizza i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione, in particolare vengono utilizzati cookies tecnici per consentire la normale navigazione e fruizione del sito stesso e dei suoi servizi; cookies di terze parti per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti del nostro sito e su come questi visitano lo stesso e cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookies clicca qui.
Se nascondi questo banner o accedi a un qualunque elemento della pagina acconsenti all'uso dei cookies.