homepage
rss
mappa del sito
chi siamo
eventi
links
selezione lingua
Lessico
Interculturale

Multiculturalismo

Il termine è entrato in uso alla fine degli anni ‘80 negli Stati Uniti per indicare l’ideale di una società dove più culture potessero convivere nel reciproco rispetto, ma fuori da ogni dominazione e assimilazione alla cultura dominante.

Continua a leggere

Esotismo

Ideologicamente fondate sulla fascinazione per quanto abbia origine o sia importato da paesi lontani, le nozioni esotico/esotismo individuano una prospettiva esplosa in Europa a partire dal Settecento ma prefigurata da significativi antecedenti..

Continua a leggere

Empatia

Il nostro atteggiamento nell’incontro con l’“altro” non dipende soltanto dal nostro modo di pensare.

Continua a leggere

Viaggio

Quello spostamento nello spazio (vicino o lontano) al quale diamo il nome di viaggio ha avuto un’influenza determinante nella nascita e nella costruzione delle discipline etno-antropologiche: sia per quanto riguarda le conoscenze prodotte che le forme entro le quali vengono comunicate..

Continua a leggere

Mondo plurale e codici d'onore. Ecco come cambia la morale

Il richiamo all’onore personale sembra spesso un retaggio del passato, un qualcosa che evoca immagini di gentiluomini imparruccati che si sfidano a duello alle prime luci dell’alba o di Achei sporchi di sangue che assaltano le mura di Troia.

Continua a leggere
Reset
Un mese di idee.
Direttore Giancarlo Bosetti
Associazione per il dialogo tra le culture
Lessico Interculturale
EN martedì, 7 novembre 2006

Liberta'

Enzo Di Nuoscio

La giustificazione filosofica dell’idea di libertà è uno di quegli enigmi con i quali si sono misurati tutti i grandi filosofi, i quali hanno spesso concluso i loro imponenti tentativi riconoscendo l’impossibilità di accedere ad un punto di appoggio archimedeo che collocasse la libertà su un incontrovertibile piedistallo teorico.


Tanto che non solo un filosofo empirista come Hume la definisce “la più spinosa questione di metafisica”, ma anche un pensatore sistematico come Leibniz non esita a definire il problema filosofico della conciliazione tra libertà e necessità come un “labirinto” in cui “la nostra ragione spesso si smarrisce”. E Voltaire semplicemente ridicolizza la ricerca di ogni tentativo di soluzione, facendo dire a Pangloss, nel Candide, che la dicotomia libertà/necessità è un falso problema, perché “è necessario essere liberi”.

Più che un falso problema, si tratta di un problema razionalmente indecidibile, come mostra Kant nella terza delle antinomie della ragione. Se non è possibile fondare la libertà, certo si possono addurre ragioni per difenderla dai suoi nemici. E la storia del pensiero filosofico ci offre un vasto catalogo di queste ragioni, a partire da quelle di ordine teologiche (la libertà è un dono di Dio che l’uomo non può toccare) fino a quelle di tipo giusnaturalistico (la libertà è insita nella “natura umana”, e dunque non è alienabile). Tra le varie tesi avanzate, il tentativo di giustificazione evolutiva della libertà, basato su una concezione fallibilista della conoscenza umana e su un’interpretazione individualistica ed evoluzionististica dell’ordine sociale, si rivela forse l’argomentazione più convincente e più funzionale alla politica del dialogo.

Se gli individui sono fallibili e “ignoranti” (nel senso che ignorano una enorme quantità di conoscenze che sono necessariamente disperse tra tutti gli individui) e se solo grazie all’ordine sociale spontaneo che si sviluppa nel rispetto delle regole dello Stato di diritto riescono a realizzare progetti per i quali non dispongono singolarmente delle conoscenze necessarie, allora la libertà diventa il migliore habitat per risolvere la più ampia varietà possibile di problemi.

Permettendo la realizzazione del più elevato numero di interazioni compatibili, la libertà consente non solo la più efficace distribuzione ma anche la più efficace produzione di conoscenza. Più i singoli sono liberi e più numerose saranno le situazioni a cui daranno vita le loro interazioni, con conseguente aumento delle conoscenze disperse; ciò finirà per accentuare le asimmetrie conoscitive, creando nuove possibilità di scambi interindividuali, e così via. I comportamenti liberi avranno quindi una particolare efficacia evolutiva: accrescono le possibilità di cooperazione spontanea e fanno lievitare la capacità di problem solving di un gruppo. Dunque: dobbiamo essere liberi perché siamo “ignoranti” e fallibili e saremo “ricchi” proprio perché liberi. Non è certo una caso che a godere del maggior benessere sono proprio i popoli che storicamente hanno usufruito della più estesa libertà.

Una simile prospettiva epistemologica ed evoluzionista non fonda la libertà - che rimane sempre, in ultima istanza, una opzione etica, cioè una scelta di coscienza - ma ci rende consapevoli dei suoi presupposti (fallibilità e “ignoranza”) e delle sue conseguenze (economiche: il mercato; politiche: la “società aperta”), affinché tale scelta possa essere effettuata ad “occhi aperti”, affinché, in altri termini, quella di accettare o di rifiutare la libertà sia una decisione informata. E ci fa capire che grande risorsa sia la diversità (di idee, di culture, di situazioni, di ambiente) anche nel mondo culturale, oltre che in quello biologico; quando si manifesta nel rispetto del principio di tolleranza, essa rappresenta la migliore risorsa per far fronte all’incertezza e per esplorare l’ignoto. Diversità, evidentemente, che si può affermare solo laddove c’è libertà.

Newsletter

Iscriviti per ricevere la nostra newsletter


Questo sito utilizza i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione, in particolare vengono utilizzati cookies tecnici per consentire la normale navigazione e fruizione del sito stesso e dei suoi servizi; cookies di terze parti per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti del nostro sito e su come questi visitano lo stesso e cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookies clicca qui.
Se nascondi questo banner o accedi a un qualunque elemento della pagina acconsenti all'uso dei cookies.