homepage
rss
mappa del sito
chi siamo
eventi
links
selezione lingua
Lessico
Interculturale

Esotismo

Ideologicamente fondate sulla fascinazione per quanto abbia origine o sia importato da paesi lontani, le nozioni esotico/esotismo individuano una prospettiva esplosa in Europa a partire dal Settecento ma prefigurata da significativi antecedenti..

Continua a leggere

Antisemitismo

L’uso del termine antisemitismo per indicare l’ostilità verso gli ebrei – solo verso gli ebrei e non, contrariamente a quanto si crede, verso tutti i popoli “semiti” – risale alla seconda metà dell’Ottocento, quando la parola, un neologismo...

Continua a leggere

Pregiudizio

Qualunque tipo di pensiero –anche degli studiosi e degli scienziati – procede per modelli prestabiliti, stereotipi, pregiudizi.

Continua a leggere

Partecipazione

Si può partecipare tanto a un’impresa efferata – uno stupro del branco, un linciaggio, un’operazione di pulizia etnica – quanto a un’iniziativa umanitaria – una raccolta di fondi, un’adozione collettiva, il sacrificio di sé nello scambio di...

Continua a leggere

Onu

L’Organizzazione delle Nazioni Unite è la più estesa organizzazione internazionale, infatti comprende al suo interno la quasi totalità degli Stati del pianeta.

Continua a leggere
Reset
Un mese di idee.
Direttore Giancarlo Bosetti
Associazione per il dialogo tra le culture
Lessico Interculturale
EN martedì, 7 novembre 2006

Fondamentalismo

Con fondamentalismo si intende una interpretazione letterale e dogmatica dei testi sacri (ma si può trattare anche di testi profani), le cui indicazioni prescrittive sono considerate fondamenti dell’agire. Il fondamentalismo rifiuta ogni sistema di credenze che si opponga a tali fondamenti. Ritiene che i propri testi religiosi siano infallibili e soprattutto storicamente fondati, malgrado le possibili contraddizioni evidenziate dalle teorie e dalla scienza moderne.


In particolare, il fondamentalismo si basa specificamente su quattro elementi:
a) principio dell’inerranza, relativo al contenuto del Libro sacro, assunto nella sua
interezza, come una totalità di senso e di significati che non possono essere scomposti;
b) principio dell’astoricità della verità e del Libro che la conserva;
c) principio della superiorità della Legge divina su quella terrena, secondo cui dalle
parole iscritte nel Libro sacro scaturisce un modello integrale di società perfetta.
d) primato del mito di fondazione: un vero e proprio mito delle origini che ha la funzione di segnalare l’assolutezza del sistema di credenza cui ogni fedele è chiamato ad aderire e il senso profondo di coesione che stringe tutti coloro che ad essa fanno riferimento.

Il termine fondamentalismo nasce verso i primi del Novecento nell’ambito protestante, soprattutto americano, come reazione alla critica biblica e all’esegesi, ma può essere messo in sincronia con la reazione cattolica antimodernista, che tuttavia si richiamava, più che all’integrità del testo biblico, al magistero e alla tradizione. Oggi con fondamentalismo ci si riferisce soprattutto alle tendenze emergenti nelle religioni monoteiste, caratterizzate soprattutto da una reazione critica verso la modernità, verso i processi di secolarizzazione e i tentativi di dare risposte nuove ai problemi del mondo moderno. Si parla così di “fondamentalismo ebraico”, “fondamentalismo cattolico”, “fondamentalismo islamico” etc.

Per estensione, “fondamentalismo” viene usato per indicare un atteggiamento acritico e dogmatico nei confronti di testi o teorie anche non religiose: in questo senso, fondamentalismo può divenire sinonimo di fanatismo o integralismo (alcuni parlano ad esempio di “integralismo laico”). Più specificamente, l’elemento centrale che caratterizza i vari tipi di fondamentalismo è la rilevanza del tema della politica, nel senso che esso si interessa al vincolo etico che unisce persone che vivono in una medesima società e pone in modo radicale il problema del fondamento ultimo etico-religioso della polis, che deve fondarsi su un patto religioso ovvero su una tavola di valori ritenuti irrinunciabili e per i quali vale la pena lottare.

L’obiettivo è quello di una rifondazione religiosa delle società moderne. Da tale principio scaturiscono due elementi: la centralità delle forme di mobilitazione dei militanti (dal momento che chi è convinto che esista una verità assoluta si sforzerà di inventare azioni di protesta e forme di lotta politica di valore altamente simbolico e spesso violento) e “la sindrome del Nemico”. L’individualismo e il permissivismo morale sempre più diffusi sono ricondotti ad una serie di cause, identificate in soggetti di volta in volta diversi come il pluralismo democratico, il secolarismo, il comunismo, l’Occidente capitalistico, lo Stato moderno e così via.

Tutte queste figure del Nemico servono a sottolineare nell’immaginario collettivo dei militanti fondamentalisti l’idea che qualcuno manovri per strappare le radici dell’identità di un gruppo o di un intero popolo, tenti di tagliare i fili della memoria che lega gruppi umani e popoli a un’antica e superiore origine: il patto di alleanza particolare con una parola divina rivelata o con una legge sacra.

Da Enzo Pace, Renzo Guolo, I fondamentalismi, Laterza, Roma Bari 1998.

Newsletter

Iscriviti per ricevere la nostra newsletter


Questo sito utilizza i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione, in particolare vengono utilizzati cookies tecnici per consentire la normale navigazione e fruizione del sito stesso e dei suoi servizi; cookies di terze parti per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti del nostro sito e su come questi visitano lo stesso e cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookies clicca qui.
Se nascondi questo banner o accedi a un qualunque elemento della pagina acconsenti all'uso dei cookies.