homepage
rss
mappa del sito
chi siamo
eventi
links
selezione lingua
Lessico
Interculturale

Dio

“Non avete letto quello che vi è stato detto da Dio: Io sono il Dio di Abramo e il Dio di Isacco e il Dio di Giacobbe? Ora, non è Dio dei morti, ma dei vivi”.

Continua a leggere

Mondo plurale e codici d'onore. Ecco come cambia la morale

Il richiamo all’onore personale sembra spesso un retaggio del passato, un qualcosa che evoca immagini di gentiluomini imparruccati che si sfidano a duello alle prime luci dell’alba o di Achei sporchi di sangue che assaltano le mura di Troia.

Continua a leggere

Pregiudizio

Qualunque tipo di pensiero –anche degli studiosi e degli scienziati – procede per modelli prestabiliti, stereotipi, pregiudizi.

Continua a leggere

Laicita'

Il termine laicità indica la separazione, storicamente avvenuta in Occidente soprattutto con la nascita e l’affermarsi dello Stato moderno, fra la sfera religiosa e la sfera politica (“libera Chiesa in libero Stato”, secondo l’efficace espressione di Camillo Benso conte...

Continua a leggere

Che cosa vuol dire 'blasfemia' nell'ebraismo?

Il tema della blasfemia in ambito ebraico è affrontabile sotto tre angolature:a) fondamenti biblici e valenza intraebraica del precetto che proibisce la blasfemia;b) indagine relativa al fatto se la proibizione vale per i non ebrei;c) esistenza di un eventuale atteggiamento blasfemo ebraico...

Continua a leggere
Reset
Un mese di idee.
Direttore Giancarlo Bosetti
Associazione per il dialogo tra le culture
Lessico Interculturale
EN martedì, 7 novembre 2006

Curdi

Minoranza etnica e linguistica del Vicino Oriente, i Curdi vivono oggi divisi tra Turchia, Iran, Iraq e Siria, in un’area definita, a livello non ufficiale, Kurdistan, dove sono stati sempre oggetto di persecuzioni e oppressioni. La questione curda è nata dopo la prima guerra mondiale in seguito allo smembramento dell’Impero ottomano. Alleati dei paesi vincitori, i curdi attesero invano l’attuazione del trattato di Sèvres del 1920 che garantiva loro il diritto ad uno stato unitario.


Ma la spartizione delle aree di influenza in base alle esigenze economiche e politiche delle grandi potenze portarono alla formulazione del trattato di Losanna, ratificando la spartizione del cosiddetto Kurdistan tra i vari stati confinanti. Il Kurdistan, essendo la “cerniera” a ridosso del mondi arabo, di quello iraniano, turco e slavo, è stato al centro delle dispute regionali che hanno interessato l’Iraq, Iran, Siria e Turchia. Queste contese hanno influenzato il movimento curdo, frammentandolo in numerosi partiti e compromettendo inevitabilmente la sua compattezza. Non a caso, Turchia, Iraq, Iran o Siria hanno sostenuto l’attività dei partiti curdi negli stati limitrofi, con l’intento di acquisire una posizione di predominio nell’altrui regione.

Essendo un territorio ricco di risorse naturali, soprattutto idriche e petrolifere, su cui si reggono le fragili economie araba e turca, la volontà degli stati confinanti di sponsorizzare la nascita di uno stato curdo autonomo si è sempre scontrata con esigenze economiche e strategiche. Un altro fattore che ha pesantemente contribuito a indebolire il movimento è rappresentato dalla continua diaspora del popolo curdo, causata dalle persecuzioni perpetrate nel Kurdistan. Inoltre l’estremizzazione del conflitto ha determinato la nascita di veri e propri movimenti terroristici tra cui il più importante è il Pkk.

L’asprezza della lotta si è acuita nel corso degli anni toccando punte di estrema crudeltà, come nell’ 80, quando interi villaggi curdi nel nord dell’Iraq vennero sterminati tramite l’utilizzo di armi batteriologiche. L’evoluzione degli eventi, dal trattato di Losanna in poi, hanno posto il veto definitivo all’eventualità di uno Stato curdo, poiché da allora sono stati scavati solchi profondi che difficilmente potrebbero essere colmati con un’artificiale entità statale pan-curda. Così la questione rimane aperta, come dimostra la difficile situazione nel sud est dell’anatolia.

Darwish, uno storico curdo militante, ritiene che sia necessario “trovare una strategia comune per tutto il Kurdistan”, per cui “il movimento nazionale curdo deve trovarsi unito su un programma politico in cui siano indicati con chiarezza gli obiettivi nazionali del movimento, traducendo nel suo insieme la questione come un unico problema nazionale del popolo curdo. Jasim, studioso di diritto internazionale di origine curda, sostiene invece che per districare la questione ci si debba rivolgere alla Comunità Internazionale, affinché le Grandi potenze si prendano la responsabilità di aprire un tavolo delle trattative alla presenza di tutte le parti in causa, sia i curdi sia gli stati interessati.

Ma i difficili equilibri nella regione Medio orientale offrono poco spazio all’intervento dell’ONU, che è più propensa a porre la questione sotto l’aspetto dei diritti umani. Alcune organizzazioni politiche curde se ne sono rese conto, come ebbe modo di dire l’ex leader del Pdk, Abdul Rahman Ghassemlou: “Un partito responsabile deve prefiggersi obbiettivi realizzabili. Nella situazione geopolitica in cui si trovano i curdi non è concepibile l’indipendenza. L’indipendenza esige il mutamento delle frontiere di almeno quattro Stati e in una regione così sensibile come la nostra. I curdi confondono il sogno con la politica. Ogni curdo può sognare l’indipendenza.
Noi domandiamo l’autonomia”.

Fonti: www.storico.org; Dizionario dell’islam, a cura di Massimo Campanini, Ed. Bur, 2005.

Newsletter

Iscriviti per ricevere la nostra newsletter


Questo sito utilizza i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione, in particolare vengono utilizzati cookies tecnici per consentire la normale navigazione e fruizione del sito stesso e dei suoi servizi; cookies di terze parti per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti del nostro sito e su come questi visitano lo stesso e cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookies clicca qui.
Se nascondi questo banner o accedi a un qualunque elemento della pagina acconsenti all'uso dei cookies.