homepage
rss
mappa del sito
chi siamo
eventi
links
selezione lingua
Lessico
Interculturale

Storia

Sarà capitato anche a voi di guardare qualcuno dei numerosi documentari televisivi nei quali si divulgano le più recenti conoscenze sui “nostri antenati”, paleantropi, nehandertaliani o sapiens che siano.

Continua a leggere

Traduzione

Il problema della traduzione, che ha una storia complessa e solo in parte analiticamente indagata, ha prodotto negli ultimi decenni un’intensa riflessione teorica che si è intrecciata con le indagini e le considerazioni di altre scienze e discipline.

Continua a leggere

Mondo plurale e codici d'onore. Ecco come cambia la morale

Il richiamo all’onore personale sembra spesso un retaggio del passato, un qualcosa che evoca immagini di gentiluomini imparruccati che si sfidano a duello alle prime luci dell’alba o di Achei sporchi di sangue che assaltano le mura di Troia.

Continua a leggere

Fondamentalismo

Con fondamentalismo si intende una interpretazione letterale e dogmatica dei testi sacri (ma si può trattare anche di testi profani), le cui indicazioni prescrittive sono considerate fondamenti dell’agire.

Continua a leggere

Antisemitismo

L’uso del termine antisemitismo per indicare l’ostilità verso gli ebrei – solo verso gli ebrei e non, contrariamente a quanto si crede, verso tutti i popoli “semiti” – risale alla seconda metà dell’Ottocento, quando la parola, un neologismo...

Continua a leggere
Reset
Un mese di idee.
Direttore Giancarlo Bosetti
Associazione per il dialogo tra le culture
Lessico Interculturale
EN martedì, 7 novembre 2006

Cultura-Civilta'

Alessandro Ferrara

Il concetto di cultura è cambiato nel tempo. Nel mondo greco, esisteva il concetto di paideia, con cui veniva indicato quel processo di formazione della personalità umana che avviene tramite l’apprendimento. Questo uso del concetto di cultura sopravvive nel nesso che il mondo latino stabilisce fra cultura e colere.


In questa accezione il concetto di cultura continua a vivere anche nel Medioevo e nella prima età moderna, fino al ‘700. Nell’Europa di lingua germanica è in parte il termine Bildung a coprire questo spazio semantico - ancora in Hegel Bildung vuol dire coltivazione della propria personalità attraverso l’esposizione a quanto di meglio si scrive e si dice nel mondo.

Un cambiamento di rilievo avviene però attorno alla metà del XVIII secolo. Il concetto di cultura comincia ad assumere un nuovo significato, quello di “patrimonio universale di conoscenze e valori formatosi nel corso della storia dell’umanità”. In parallelo, comincia ad emergere il concetto di civiltà o civilizzazione. Essere “civili”, a differenza di essere “colti”, vuol dire essere passati attraverso un processo di “affinamento culturale dei costumi” – che forma l’oggetto di studio dell’opera di Norbert Elias – tanto che la contrapposizione principale diventa allora quella fra “uomo civilizzato” e gli “incivili” o “selvaggi”.

Questa opposizione sarà foriera di importanti sviluppi per il concetto di cultura. Nel XVIII secolo si sviluppa una letteratura che sviluppa il confronto fra le consuetudini radicate nella cultura occidentale europea e in quelle extraeuropee. La memorialistica etnografica del XVIII secolo ha però fin da subito l’effetto di minare alla base l’idea di una natura umana universale, e contribuisce invece a rafforzare la nozione che l’educazione e le forme di vita locali entro le quali avviene l’interazione fra gli uomini ha un valore costitutivo per la cultura. Molti aspetti considerati “naturali” dell’uomo vengono ora ascritti a processi formativi di ordine culturale – Rousseau ne è l’esempio principe.

Ma vengono immediatamente in mente anche i nomi di Vico e più avanti, alla fine del XIX secolo, di Dilthey. Questa curvatura storicistica del concetto di cultura contribuirà a una riformulazione dei rapporti tra il concetto di cultura e quello di civilizzazione, da cui a sua volta discenderanno conseguenze infauste.
“Cultura” (Kultur) e “civilizzazione” (Zivilisation) diventeranno delle specie di idealtipi in base ai quali interpretare processi storici di modernizzazione. Nel dibattito tedesco di fine secolo e inizio novecento la coppia concettuale Gemeinschaft e Gesellschaft coniata da Toennies diventerà la chiave per comprendere le risonanze che emanano dalla coppia Kultur e Zivilisation.

Mentre la comunità deve essere considerata un “organismo vivente”, la società deve essere intesa, sostiene Tönnies, come un “aggregato e prodotto meccanico” (Tönnies 1963: 47). Nasce qui l’idea che la comunità e i rapporti comunitari presuppongano omogeneità culturale, ovvero che l’espressione “comunità pluralista” sia contraddittoria. Ecco cosa ora va ad aggiungersi all’idea di Kultur oltre il significato primario di “cultura alta”. Il termine Zivilisation è riferito invece a una cultura intrinsecamente aperta e pluralista. Diventa possibile affermare che il trionfo della “civilizzazione” segna il contemporaneo “tramonto della cultura”. In Spengler, l’autore de Il tramonto dell’Occidente, la Kultur (intesa qui come complesso culturale proprio di un’intera civiltà) è identificata con il momento di ascesa e di fioritura di una forma di vita, mentre la Zivilisation è, in modo nuovamente negativo, tipica della fase di declino di quella forma di vita o epoca storica.

Qualcosa di questa interpretazione della modernizzazione culturale sopravvive ancora: se la contrapposizione fra “apocalittici” e “integrati” vi dice qualcosa, quel qualcosa è molto simile alla contrapposizione di una volta, con gli apocalittici come difensori della Kultur e gli integrati come difensori di quel surrogato della “civiltà” che è la ossimorica “cultura di massa” o “popolare”.

Newsletter

Iscriviti per ricevere la nostra newsletter


Questo sito utilizza i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione, in particolare vengono utilizzati cookies tecnici per consentire la normale navigazione e fruizione del sito stesso e dei suoi servizi; cookies di terze parti per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti del nostro sito e su come questi visitano lo stesso e cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookies clicca qui.
Se nascondi questo banner o accedi a un qualunque elemento della pagina acconsenti all'uso dei cookies.