homepage
rss
site map
about
events
links
choose language
Intercultural
Lexicon

Anti-semitism

The use of the expression anti-Semitism to indicate hostility towards the Jews – only the Jews and not as generally thought towards all “Semitic” people – dates back to the second half of the 19th Century, when the word, a neologism derived from linguistics, was spread throughout...

Read more

Revolution

Though its semantic origins are pre-modern, revolution has been a fundamental category of the interpretation of modern times.

Read more

City

The city is an artefact.

Read more

Genocide

The word genocide is nowadays used in a number of different ways and one must to try and analyse them separately, to the extent that this is possible.

Read more

Cosmopolitism

It is the philosophical and political concept that extends the ideas of citizenship and homeland to the whole world and to all humankind, opposing the particularity of nations and national states.

Read more
Reset
A month of ideas.
Giancarlo Bosetti Editor-in-chief
Association for dialogue and intercultural understanding

Video di Attualità

Video

Perché una donna dovrebbe restare in quest'Italia?

Filomena - La rete delle donne

Il piccolo video che Filomena, la Rete delle Donne, ha ideato dopo aver constatato il vuoto informativo sul ruolo che le donne hanno giocato e tuttora giocano nella storia e nella realtà quotidiana di questo paese. Ha estratto dal silenzio una piccola sequenza di figure femminili, del passato e del presente, per farle tornare in superficie in una narrazione più accurata sulla realtà dell'Italia. Paese senza donne, in apparenza. In realtà, paese che da sempre sul lavoro e la fatica delle donne poggia.


EN Video di Attualità

Il Presidente americano Obama si rivolge al mondo musulmano dall'Indonesia

Il Presidente americano Barack Obama parla all'Università dell'Indonesia, a Giacarta


Attualità

Liberi Nantes al David di Donatello

Liberi Nantes Football Club, il lungometraggio sulla prima squadra interamente composta da rifugiati e migranti forzati, prodotto da RED TV in associazione con la Società Sportiva Liberi Nantes, è stato selezionato per il concorso David di Donatello 2010, sezione documentari.


EN Video

Stand by Me. Tutto il mondo in una canzone

La prima traccia di Playing for change, il movimento creato per connettere il mondo attraverso la musica. Ecco il video di Stand by me, suonata da molti musicisti in giro per il mondo: Santa Monica, New Orleans, Mosca, Amsterdam, Rio de Janeiro, New Mexico, Francia, Italia, Venezuela, Brasile, Russia, Sudafrica, Spagna, Congo. La prima canzone che colma le distanze fisiche e culturali di questo pianeta.


EN Video

Strade tortuose per le tassiste del Bahrain

In Bahrain le donne stanno coraggiosamente cimentandosi in lavori tradizionalmente maschili. Questa scelta, però, le sta facendo scontrare sempre di più con la parte più conservatrice della popolazione. Hashem Ahelbarra di Al Jazeera si è fatto un giro con una delle tassiste del Bahrain, e ha scoperto che il cambiamento deve superare ancora qualche ostacolo.


Video

Il corpo delle donne

Un estratto de "Il corpo delle donne", di Lorella Zanardo, Marco Malfi Chindemi e Cesare Cantù (23 min). Il documentario, premiato al festival del documentario sociale a Firenze, aprirà il Festival Mutazioni a Genova. Una riflessione sull'immagine della donna nell'Italia contemporanea, attraverso i volti e i corpi femminili che vediamo ogni giorno nel nostro televisore. Cinquanta anni fa, Anna Magnani diceva al truccatore che prima del ciak stava per coprirle le rughe del volto: "Lasciamele tutte, non me ne togliere nemmeno una, ci ho messo una vita a farmele". Ma oggi, quali sono i modelli femminili di riferimento? Quali verità comunicano? Quali autenticità?


EN Video

La Top Ten della regina Rania

Nell'accettare il primo YouTube Visionary Award, la regina Rania Al Abdullah, attraverso un messaggio pre-registrato, ha fatto la parodia della famosa Top Ten del comico americano David Letterman, per spiegare perché abbia lanciato un suo canale You Tube.Una delle ragioni - ha scherzato - è che è stufa "della gente che pensa che la Giordania (Jordan, ndr) sia solo un giocatore di basket". E poi ha aggiunto: "Volevo dare inizio a una conversazione nella più grande comunità del mondo perché siamo più forti quando ascoltiamo, e siamo più intelligenti quando condividiamo". 


Newsletter

Sign up to receive our newsletter