homepage
rss
site map
about
events
links
choose language
Intercultural
Lexicon

The Mediterranean

Mediterranean: literally the sea in the middle of lands, a bordering sea, and linking these lands. This characteristic makes the Mediterranean a sea that does belong to all the countries overlooking it, but to none in particular, a shared sea, not available for becoming private property..

Read more

Other

The process resulting in the definition of one’s own identity – hence an “us” – in an oppositional manner by, explicitly or implicitly comparing ourselves with “others”, is considered a universal movement in every society.

Read more

Tolerance

After the Nineties of the 20th Century tolerance returned to the centre stage in political thought, returning to fashion a concept that has certainly been central within the framework of political thought in modern times, but that appeared to have become a closed book with the French Revolution that...

Read more

Ethnocentrism

While empathy breaks down the barriers of borders, ethnocentrism – the supposed superiority of one’s own cultural world – is addressed at strengthening them, and if possible, at raising new ones.

Read more

Genocide

The word genocide is nowadays used in a number of different ways and one must to try and analyse them separately, to the extent that this is possible.

Read more
Reset
A month of ideas.
Giancarlo Bosetti Editor-in-chief
Association for dialogue and intercultural understanding

Multimedia

EN I Video di Resetdoc

I nuovi mercati della religione

Olivier Roy

«Oggi assistiamo a un nuovo mercato religioso globale. La gente si converte a ogni tipo di religione, qualunque sia il loro background culturale – dice Olivier Roy, studioso francese di Islam, in questa intervista a Resetdoc – E funziona, perché queste religioni sono oggi deculturalizzate, hanno esplicitamente tagliato ogni legame con delle culture specifiche. Possiamo parlare di “religioni McDonald's”: vendono lo stesso prodotto ovunque nel mondo, non curandosi di adattarsi alle culture locali».


EN Video Arte

The final match (Da: Stories on Human Rights)

Saman Salour

In occasione del 60esimo anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, l’ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani e la ong Art for the World hanno commissionato una serie di 22 cortometraggi, creati da alcuni dei maggiori registi del mondo. I film sono associati a un libro che presenta i lavori di dodici scrittori di fama internazionale (inclusi cinque premi Nobel) e a poster disegnati da studenti d’arte. Il progetto è stato reso possibile dall’impegno e dal supporto creativo di molti, e dal sostegno finanziario dell’Unione Europea, del ministro degli esteri e degli affari europei francese, e del Sesc di San Paolo del Brasile.


EN Video Arte

The crossing (Da: Stories on Human Rights)

Murali Nair

In occasione del 60esimo anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, l’ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani e la ong Art for the World hanno commissionato una serie di 22 cortometraggi, creati da alcuni dei maggiori registi del mondo. I film sono associati a un libro che presenta i lavori di dodici scrittori di fama internazionale (inclusi cinque premi Nobel) e a poster disegnati da studenti d’arte. Il progetto è stato reso possibile dall’impegno e dal supporto creativo di molti, e dal sostegno finanziario dell’Unione Europea, del ministro degli esteri e degli affari europei francese, e del Sesc di San Paolo del Brasile.


Video Arte

Sobras (Da: Stories on Human Rights)

Pablo Trapero

In occasione del 60esimo anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, l’ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani e la ong Art for the World hanno commissionato una serie di 22 cortometraggi, creati da alcuni dei maggiori registi del mondo. I film sono associati a un libro che presenta i lavori di dodici scrittori di fama internazionale (inclusi cinque premi Nobel) e a poster disegnati da studenti d’arte. Il progetto è stato reso possibile dall’impegno e dal supporto creativo di molti, e dal sostegno finanziario dell’Unione Europea, del ministro degli esteri e degli affari europei francese, e del Sesc di San Paolo del Brasile.


I Video di Resetdoc

Halal made in Italy, quando lo speck è di manzo

Elisa Pierandrei

Con macellerie islamiche, negozi o botteghe di alimentari etniche, i piccoli imprenditori halal sono riusciti a fare fortuna e a portare un po' dei sapori del paese d'origine nelle case musulmane. Da Milano a Torino a Roma, la richiesta è in grande crescita. E soprattutto, soddisfare le esigenze alimentari di quasi due milioni di musulmani in Italia, inizia a fare gola a molti. Munir Ibrahim, 44 anni, nato in Eritrea, è titolare, insieme alla moglie e ad un altro socio, di Zula Italy Food, azienda milanese attiva nella commercializzazione di generi alimentari halal (si tratta soprattutto di salumi e carni macellati secondo i dettami del Corano). Nel 2009 le sue vendite sono cresciute del 30%, senza risentire della crisi economica.


EN I Video di Resetdoc

«I vari percorsi verso la democrazia»

Benjamin Barber

«Dobbiamo esaminare cosa intendiamo per religione e democrazia, e quale tipo di religione sia compatibile con quale tipo di democrazia. Non dovremmo parlare di Islam, di Cristianità e di liberal democrazia al singolare ma al plurale – sostiene in questa video-intervista a Resetdoc Benjamin Barber, presidente e direttore dell'Ong internazionale CivWorld di Demos e autore di Jihad vs. McWorld e Consumed – C'è una tensione naturale e salutare tra religione e stato, ma allo stesso tempo tra loro c'è una complementarietà. Il dispotismo non ha bisogno della religione, la libertà sì».


Video

Perché una donna dovrebbe restare in quest'Italia?

Filomena - La rete delle donne

Il piccolo video che Filomena, la Rete delle Donne, ha ideato dopo aver constatato il vuoto informativo sul ruolo che le donne hanno giocato e tuttora giocano nella storia e nella realtà quotidiana di questo paese. Ha estratto dal silenzio una piccola sequenza di figure femminili, del passato e del presente, per farle tornare in superficie in una narrazione più accurata sulla realtà dell'Italia. Paese senza donne, in apparenza. In realtà, paese che da sempre sul lavoro e la fatica delle donne poggia.


EN Video di Attualità

Il Presidente americano Obama si rivolge al mondo musulmano dall'Indonesia

Il Presidente americano Barack Obama parla all'Università dell'Indonesia, a Giacarta


EN I Video di Resetdoc

Il ruolo della religione nella società turca

Ibrahim Kalin

«A livello sociale e politico, la religione può essere fonte di integrazione o di divisione, a seconda del modo in cui si definiscono i valori religiosi – dice in questa video-intervista a Resetdoc Ibrahim Kalin, consigliere di politica estera del primo ministro Tayyip Erdogan – L'esperienza della democratizzazione in Turchia è anche un'esperienza di democratizzazione del discorso religioso. Io vedo un grande movimento in atto nelle comunità religiose più conservatrici e tradizionaliste turche: stanno abbracciando sempre più i valori della democrazia, delle libertà civili e dei diritti umani».


I Video di Resetdoc

Io, giovane italo-marocchino

Una passeggiata al mercato dell'Esquilino con Khalid Chaouki

«Noi giovani musulmani abbiamo il compito di aiutare la comunità musulmana a farsi conoscere e a costruire un nuovo modello di società interreligiosa e multiculturale», dice Khalid Chaouki, direttore italo-marocchino di Minareti.it e uno dei giovani più interessanti della comunità musulmana italiana, nel corso di questa passeggiata con Resetdoc al mercato Esquilino, uno dei luoghi più rappresentativi della Roma multietnica.


EN I Video di Resetdoc

Laicizzare la laicità

Irfan Ahmad

“Gli intellettuali musulmani che vivono in Occidente, e in particolare in Europa, hanno cominciato a rivedere i propri presupposti, mentre gli europei liberali non sono disposti a fare altrettanto”, afferma il filosofo indiano Irfan Ahmad. E come si sentono gli immigrati stessi, le minoranze? “Offrire loro uguaglianza chiedendo in cambio di sacrificare la propria specificità religiosa”, non può essere la soluzione. “C’è bisogno di più apertura e democratizzazione”.


EN Video-Arte

Tug Of War - The Impossible Brief

L'unica battaglia che porta a una tregua. Un film di animazione di Francesco Basile e Alice Bottaro


« Previous | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | Next »
Newsletter

Sign up to receive our newsletter


Questo sito utilizza i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione, in particolare vengono utilizzati cookies tecnici per consentire la normale navigazione e fruizione del sito stesso e dei suoi servizi; cookies di terze parti per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti del nostro sito e su come questi visitano lo stesso e cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in rete.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookies clicca qui.
Se nascondi questo banner o accedi a un qualunque elemento della pagina acconsenti all'uso dei cookies.