homepage
rss
site map
about
events
links
choose language
Intercultural
Lexicon

Tolerance

After the Nineties of the 20th Century tolerance returned to the centre stage in political thought, returning to fashion a concept that has certainly been central within the framework of political thought in modern times, but that appeared to have become a closed book with the French Revolution that...

Read more

The United Nations

The Organization of the United Nations is the largest international organisation and in fact includes almost all the states existing on the planet. There are currently 192 member states. The seat of the UN is in New York and the current Secretary General is the South Korean Ban Ki-Moon..

Read more

City

The city is an artefact.

Read more

Participation

It is possible to participate in a brutal event – such as gang rape, lynching, an ethnic cleansing operation – or in a humanitarian event – fund raising, collective adoption, sacrificing oneself in an exchange of prisoners..

Read more

Islamism

Islamism is a highly militant mobilizing ideology selectively developed out of Islam’s scriptures, texts, legends, historical precedents, organizational experiences and present-day grievances, all as a defensive reaction against the long-term erosion of Islam’s primacy over the public...

Read more
Reset
A month of ideas.
Giancarlo Bosetti Editor-in-chief
Association for dialogue and intercultural understanding

Multimedia

EN I Video di Resetdoc

L'Altro come specchio per la comprensione di se stessi. Due tradizioni a confronto

Nasr Hamid Abu Zayd, filosofo egiziano

Il Corano insegna che Dio ha creato e diversificato gli uomini in nazioni e tribù dai vari colori e linguaggi in modo da consentirne la reciproca conoscenza. Di fatto, gli uomini conoscono se stessi e attraverso la comprensione dell’Altro. Per sua natura storica l’Islam è una vocazione etica e spirituale verso la giustizia sociale. Il Corano, di per sé, riguarda i poveri e i bisognosi. E riguarda il nostro rapporto con l’Altro. A un anno dalla sua scomparsa, ResetDoc ricorda il grande filosofo egiziano Nasr Hamid Abu Zayd con questo video.


EN Video Resetdoc

Perché le società musulmane sono ostili al secolarismo?

Abdou Filali-Ansary, filosofo marocchino (2/2)

Un processo di secolarizzazione sta coinvolgendo, seppur lentamente, anche il mondo musulmano, dove è ormai evidente l’aspirazione della gente alla partecipazione politica ed economica, alla giustizia sociale e ai diritti umani. Allo stesso tempo, la maggior parte di queste persone rifiuta di diventare, o di definirsi, laica. Le ragioni sono molteplici: malintesi, traduzioni sbagliate o poco accurate del concetto di secolarismo in termini ateistici, paura di perdere la propria religione e identità, ma anche la memoria crudele di regimi laici e tirannici e il risentimento nei confronti di élite secolari che si accaparrano tutti i vantaggi del progresso economico.Il filosofo marocchino Abdou Filali-Ansary, ex direttore della Aga Khan University di Londra ne parla con ResetDoc durante gli Istanbul Seminars.


I Video di Resetdoc

MiPais - Media etnici che fanno tendenza

Elisa Pierandrei

Una tiratura di 20mila copie distribuite gratuitamente a Milano, dove si trova la sede della redazione, e in altre 6 città del centro e nord Italia. Il mensile MiPais (www.mipais.it) rappresenta una novità nel panorama delle riviste cosiddette etniche distribuite in Italia: è specializzato nella politica e nell'economia del Sudamerica – come pochi altri del genere – e si propone come mezzo per l'integrazione. È scritto in lingua spagnola ad eccezione di uno o due articoli in ogni numero che sono in italiano, come quelli che trattano di turismo e che mirano a far conoscere al pubblico nostrano le bellezze del Sudamerica. A seguire questo progetto nato nel 2005, da qualche anno c'è un giovane cileno con il pallino del marketing e dell'editoria, Ricardo Quiroga, in Italia con la sua famiglia.


EN I Video di Resetdoc

Sulle politiche della paura

Albena Azmanova

Per essere competitivi in un mondo globalizzato, moltissimi paesi hanno cominciato a deregolamentare e a liberalizzare l’economia, lo Stato ha rinunciato ampiamente alla propria responsabilità per le politiche economiche, e i cittadini sono divenuti interamente responsabili per la propria sopravvivenza. Qual è la relazione che intercorre tra la xenofobia crescente, alimentata da politiche della paura sempre più diffuse, e l’insicurezza economica che attraversa il mondo di oggi? In occasione degli Istanbul Seminars, ResetDOC ha intervistato la politologa Albena Azmanova.


EN I Video di Resetdoc

L'incertezza costante

Zygmunt Bauman

La modernità ha due meccanismi regolatori: il primo è la migrazione, data da un numero di persone in eccesso che non corrispondono all’immagine di ordine prescritta dalla modernità, la quale sta ordinando ossessivamente una realtà caotica. L’altro è il progresso economico che svaluta il lavoro manuale e che danneggia il capitale individuale, costringendo le persone a migrare altrove. Il grande sociologo Zygmunt Bauman parla di Europa, migrazioni e modernità con ResetDoc.


EN I Video di Resetdoc

La nuova coscienza musulmuana

Abdou Filali-Ansary, filosofo marocchino (1/2)

Il filosofo musulmano spiega perché la richiesta di implementare la legge islamica, la Shari’a, si è estesa ed è divenuta più pressante. Allo stesso tempo vi sono cambiamenti e una rivoluzione intellettuale di tipo liberale che attraversano il mondo musulmano, non coinvolgendo veri e propri movimenti, ma individui che pensano a una coscienza musulmana in nuovi termini. In occasione degli Istanbul Seminars, il filosofo marocchino, ex direttore dell’università Agha Khan, Abdou Filali-Ansary ne parla a ResetDoc.


EN I Video di Resetdoc

Sul fondamentalismo islamico

Sadik Al-Azm

Gli islamisti vogliono riottenere il controllo di tutti gli aspetti della
vita quotidiana, sostiene il filosofo siriano Sadik Al-Azm.
L'esistenza di un movimento reazionario lascia pensare che non ci sarà fine alla violenza.
Questo movimento vuole riesumare tutto ciò che si è perso, invece di
individuare modi innovativi per vivere l'Islam oggi. 




EN I Video di Resetdoc

I nuovi mercati della religione

Olivier Roy

«Oggi assistiamo a un nuovo mercato religioso globale. La gente si converte a ogni tipo di religione, qualunque sia il loro background culturale – dice Olivier Roy, studioso francese di Islam, in questa intervista a Resetdoc – E funziona, perché queste religioni sono oggi deculturalizzate, hanno esplicitamente tagliato ogni legame con delle culture specifiche. Possiamo parlare di “religioni McDonald's”: vendono lo stesso prodotto ovunque nel mondo, non curandosi di adattarsi alle culture locali».


EN Video Arte

The final match (Da: Stories on Human Rights)

Saman Salour

In occasione del 60esimo anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, l’ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani e la ong Art for the World hanno commissionato una serie di 22 cortometraggi, creati da alcuni dei maggiori registi del mondo. I film sono associati a un libro che presenta i lavori di dodici scrittori di fama internazionale (inclusi cinque premi Nobel) e a poster disegnati da studenti d’arte. Il progetto è stato reso possibile dall’impegno e dal supporto creativo di molti, e dal sostegno finanziario dell’Unione Europea, del ministro degli esteri e degli affari europei francese, e del Sesc di San Paolo del Brasile.


EN Video Arte

The crossing (Da: Stories on Human Rights)

Murali Nair

In occasione del 60esimo anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, l’ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani e la ong Art for the World hanno commissionato una serie di 22 cortometraggi, creati da alcuni dei maggiori registi del mondo. I film sono associati a un libro che presenta i lavori di dodici scrittori di fama internazionale (inclusi cinque premi Nobel) e a poster disegnati da studenti d’arte. Il progetto è stato reso possibile dall’impegno e dal supporto creativo di molti, e dal sostegno finanziario dell’Unione Europea, del ministro degli esteri e degli affari europei francese, e del Sesc di San Paolo del Brasile.


Video Arte

Sobras (Da: Stories on Human Rights)

Pablo Trapero

In occasione del 60esimo anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, l’ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani e la ong Art for the World hanno commissionato una serie di 22 cortometraggi, creati da alcuni dei maggiori registi del mondo. I film sono associati a un libro che presenta i lavori di dodici scrittori di fama internazionale (inclusi cinque premi Nobel) e a poster disegnati da studenti d’arte. Il progetto è stato reso possibile dall’impegno e dal supporto creativo di molti, e dal sostegno finanziario dell’Unione Europea, del ministro degli esteri e degli affari europei francese, e del Sesc di San Paolo del Brasile.


I Video di Resetdoc

Halal made in Italy, quando lo speck è di manzo

Elisa Pierandrei

Con macellerie islamiche, negozi o botteghe di alimentari etniche, i piccoli imprenditori halal sono riusciti a fare fortuna e a portare un po' dei sapori del paese d'origine nelle case musulmane. Da Milano a Torino a Roma, la richiesta è in grande crescita. E soprattutto, soddisfare le esigenze alimentari di quasi due milioni di musulmani in Italia, inizia a fare gola a molti. Munir Ibrahim, 44 anni, nato in Eritrea, è titolare, insieme alla moglie e ad un altro socio, di Zula Italy Food, azienda milanese attiva nella commercializzazione di generi alimentari halal (si tratta soprattutto di salumi e carni macellati secondo i dettami del Corano). Nel 2009 le sue vendite sono cresciute del 30%, senza risentire della crisi economica.


« Previous | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | Next »
Newsletter

Sign up to receive our newsletter